Aimaproject | Archive
21520
page-template,page-template-blog-large-image,page-template-blog-large-image-php,page,page-id-21520,woocommerce-demo-store,ajax_fade,page_not_loaded,,select-child-theme-ver-3.4child,select-theme-ver-4.2,vertical_menu_enabled,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.4,vc_responsive

AWARDS: Review from LensCulture “Magnum Photography Awards 2016”

Dear friends, I have not won, but here’s the review of my works by the team of LensCulture!

 

Dear Luisa,

Beautiful images, your strong ability to compose with balanced design and awareness of striking light is evident and alluring. Your most successful image is 1. It is original in content and intriguing for the viewer. One does not expect to see water coming from a spout frozen in time. All the more, the way you’ve captured it with the bit of light in the ice against a dark wall is visually appealing.

READ MORE

0

PUBLICATIONS: Essay for “Filmagogia, nuovi orizzonti dei saperi”

L. PAPA, Elementi dell’arte della fotografia nel film e il suo orizzonte virtuale.

L’immagine tende all’infinito e conduce all’assoluto. ANDREJ TARKOVSKIJ, Scolpire il tempo

La fotografia nel film può avere una triplice funzione: la prima e più ovvia è quella di mostrare gli esistenti e contestualizzare la storia (luce di situazione); la seconda è quella di definire, mediante determinate scelte formali, l’estetica del film; la terza e meno palese, è quella di evidenziare un valore aggiunto alla storia divenendo essa stessa “agente” del racconto filmico. Quando la fotografia opera in quest’ultimo modo, abbandona i sensi di una luce di situazione interagendo nel racconto filmico stesso, e quando questo accade, la narrazione acquisisce un potenziamento evocativo e simbolico agendo sullo spettatore a livello più o meno inconscio (a seconda della sua sensibilità e della sua coscienza estetica).

READ MORE

0

AWARDS: Selected photo for LensCulture Portrait Award

March, 6th 2016

Congratulazioni! Una delle foto che hai iscritto è stata selezionata dai nostri redattori per essere pubblicata nella Competition Gallery dei Portrait Awards 2016, visibile a chiunque visiti il sito Web. La Competition Gallery è un gruppo di immagini curatissimo selezionate dai nostri redattori per mettere in mostra solo le migliori foto dei partecipanti, quindi ottime notizie.

Abbiamo scelto questa foto da pubblicare nella Gallery:
https://www.lensculture.com/portrait-awards-2016…

lens_culture_award_aimaproject

0

PUBLICATIONS: Essay for “Da Munk a Dreyer”

ORDET di Carl Theodor Dreyer di Luisa Papa.
nota per il libro “ Da Munk a Dreyer” di Loretta Guerrini Verga e Angelo Papi;
prefazione di Jean Semolue,Vecchiarelli,2009

Considerando la filmografia di Carl Theodor Dreyer possiamo notare come il regista dopo l’esperienza con Rudolf Maté con il quale ha girato “La passion de Jeanne d’Arc” e” Vampyr” non si sia mai avvalso del medesimo direttore della fotografia evitandone così la forte impronta stilistica a favore della scelta di uno stile fotografico funzionale all’andamento di ogni singolo film

In “Ordet “quella scelta non è semplicemente “formale”, ma interagisce fortemente con la narrazione, in un continuum di costruzione e decostruzione spazio-temporale, in un alternarsi di eventi in atto ed in potenza a partire dalla sostanza espressiva del film che è data dall’avverarsi di un impossibile, il miracolo.

READ MORE

0

PROJECTS: Image and Sound

IMAGE AND SOUND is born!  It has been created to give artists working in music and in spectacle, the opportunity to use all the services that relate to the audio service and the care of their image either for advertising purposes or for the realization of their works. Our team is composed by a professional photographer specialized in this field, able to realize photo shoots in the studio and live; a visual artist who is the art director of our team of graphics and webmasters; a sound engineer who deals with everything related to the sound, both live and studio. We have a team of graphic designers for artwork and webmasters to build websites.

READ MORE

0

POETICA: Un equilibrio tra esistenti e inesistenti

“Siamo in epoca di massima relatività, dove la visione lineare ha lasciato il posto alla visione tridimensionale ed allargata, dove l’individuo può facilmente smarrire il carattere limitato delle dimensioni spazio/temporali”

Nell’ostinata presunzione di poter cogliere (tramite l’esperienza virtuale) un livello superiore e più completo di realtà, l’esito può essere la conduzione del fruitore ad un’atrofia delle proprie capacità percettive e sensoriali, ridotte così a scheletro (senza possibilità d’azione).

READ MORE

0

POETICA: sul ritratto.

SUL RITRATTO. La “Somiglianza Intima”
Sulle orme di Nadar

Il ritratto è un’operazione erotica che mette in stretto contatto l’interiorità del fotografo con quella del suo soggetto. La conoscenza del soggetto (sia dal punto di vista fisico che psicologico) determina una condizione di lavoro del tutto differente rispetto a quella che si genera di fronte a soggetti sconosciuti.
READ MORE

0

POETICA: Das Tagebuch von Dr Imago#1

Das Tagebuch  von Dr Imago#1

Cerco la luce.

Cerco la luce e cerco l’ombra in continuo alternarsi. Questo determina il mio modus vivendi che sembra non potersi mai fermare né alla luce né all’ombra. Sostanzialmente cerco la luce dove l’ombra disegna attraverso la luce e non viceversa. READ MORE

0

RICERCA: Die Nibelungen, Fritz Lang

DIE NIBELUNGEN: A review through the illustrated postcards of XX century

In cinema there are still-frames that become the images of the film, which, due to their peculiar construction (both from the point of view that significant aesthetic) remain indelibly imprinted in mind of the viewer. The film director and the director of photography make those shots that are intended to recall the highlights of the film and whose two-dimensional allow always, to the film, to generate the so-called immortal images that characterize the film and sometimes even able to characterize the author.READ MORE

0

TESTIMONIANZE – Elisewin

-Non muoverti… FERMA.-
SILENZIO.
– Ma dove devo guardare?-
– Dove vuoi tu, purché tu dica qualcosa…-

– Cosa devo dire?
– Quello che vuoi.”

– Cosa mi metto?
SILENZIO.
-Forse non c’è bisogno di troppi orpelli.-

READ MORE

0

This is a demo store for testing purposes — no orders shall be fulfilled. Rimuovi